Le Dinastie della Cina

Storia delle Dinastie
Tutte le terre sotto la sorveglianza del Cielo

960 - 1279: Dinastia Song

Immagine sopra - Ciotola con decorazione a stampo
Dinastia Song (960-1279)

Condividi  

Dopo le dinastie Han e Tang, la Dinastia Song è considerata il terzo periodo d’oro della civiltà Cinese, con importanti progressi nella letteratura, nella filosofia e nelle scienze. Durò oltre 300 anni (960-1279), sebbene il suo regno sia diviso nei periodi Song del Nord (o settentrionali, 960-1127) con capitale Kaifeng, e Song del Sud (o meridionali, 1127-1279) con capitale Lin'an (l’odierna Hangzhou).

Dinastia Song Settentrionale 960-1126
 
 
Dinastia Song Settentrionale 960-1126

Zhao Kuangyin unì le pianure centrali della Cina e le regioni meridionali, fondando la dinastia Song nel 960.

La dinastia Song portò la massima prosperità economica nella storia della Cina, passando dall’economia agricola all’economia commerciale.

Il governo concesse la proprietà delle terre ai contadini, la classe mercantile si sviluppò, e la tecnologia scoprì la bussola magnetica, la stampa, e la polvere da sparo. La produzione della carta, la seta, l’introduzione del cotone nell’industria tessile, e l’arte della porcellana continuarono a crescere nel commercio. 

La libertà di espressione e l’invenzione della stampa procurarono agli studiosi, letterati, artisti un ambiente ideale per contemplare, dibattere e diffondere le loro opere artistiche anche oltre impero.

Dinastia Song Meridionale 1127-1279
 
 
Dinastia Song Meridionale 1127-1279

Ma fu anche un periodo che sperimentò la brutalità di invasioni dal Nord (Jurchen, della dinastia Liao), che nel 1127 conquistarono la capitale Kaifeng, e che spinsero la popolazione a migrare verso il Sud, stabilendo una nuova capitale Lin'an (l’odierna Hangzhou). Questa tragica storia di migrazione forzata è ben impressa nei dipinti Song. 

La ceramica del periodo Song si sviluppò egregiamente nel commercio e nella tecnica, raggiungendo livelli d’arte molto elevati nei processi di cottura, nella invetriatura, nella decorazione, e nell’estetica generale. Son di fama mondiale i “cinque famosi forni imperiali” (Jun, Ru, Guan, Ge e Ding) che esportarono porcellane nella Thailandia, Filippine, Indonesia, Giappone, India, Europa ed Egitto.

La fine di questo periodo apice della Cina, caratterizzato da uno sviluppo filosofico e artistico, centralizzazione politica, e la crescita economica, arrivò nel 1279, quando Kublai Khan, nipote di Gengis Khan, sconfisse la dinastia Song del Sud.