Collezioni d'Arte Cinese

Chinese Art Collections ● Collections d'art chinois

Collezione Religiosità Popolare


Condividi  

Accanto alle credenze e pratiche religiose insegnate dalle grandi religioni (Taoismo, Confucianesimo, e Buddismo), in Cina è sempre esistita una “religiosità popolare” con un grande assortimento di usanze e divinità legate a luoghi particolari, personaggi storici deificati. Eccone alcuni.


Mulinello di preghiera
Mulinello di preghiera
Collana di preghiera - Māloā
Collana di preghiera - Māloā
Campanella Zhong
Campanella Zhong
Tsong Khapa
Tsong Khapa
Pehar, Dio della Guerra
Pehar, Dio della Guerra
Bodhisattva in legno
Bodhisattva in legno
Harihara Lokeśvara (?) Bodhisattva, Avalokiteshvara
Harihara Lokeśvara (?) Bodhisattva, Avalokiteshvara
Guan Di
Guan Di Guan Yu
Monaco Arahat
Monaco Arahat
Giovane Monaco
Giovane Monaco
Buddha Mile Fo
Buddha Mile Fo
Grande Budda
Grande Budda
Suonatore di flauto su bufalo
Suonatore di flauto su bufalo
Guanyin con il cestino di pesce
Guanyin con il cestino di pesce
Guanyin in porcellana
Guanyin in porcellana
Bodhisattva, Avalokiteshvara / Guanyin
Bodhisattva, Avalokiteshvara / Guanyin
  • Mulinello di preghiera
  • Collana di preghiera - Māloā
  • Campanella Zhong
  • Tsong Khapa
  • Pehar, Dio della Guerra
  • Bodhisattva in legno
  • Harihara Lokeśvara (?) Bodhisattva, Avalokiteshvara
  • Guan Di
  • Monaco Arahat
  • Giovane Monaco
  • Buddha Mile Fo
  • Grande Budda
  • Suonatore di flauto su bufalo
  • Guanyin con il cestino di pesce
  • Guanyin in porcellana
  • Bodhisattva, Avalokiteshvara / Guanyin
  • Mulinello di preghiera

    Mulinello di preghiera. E' uno strumento di preghiera (Mani) utilizzato facendo ruotare il tamburo e recitando continuamente una preghiera costituita sempre dalle medesime parole in sanscrito: 'Om Mani Padme Hum' ossia 'Lode al gioiello che sta nel loto' o anche altre formule.
    Nel Museo dal 1902. Provenienza Tibet.


    N° cna0863 - 1875-1911
    MISURE H. cm. 24. ø cm. 5.1
  • Collana di preghiera - Māloā

    Collana di preghiera - Māloā, composta principalmente da dischetti in osso del diametro di cm. 1.3 ca. e di spessore di cm. 0.8 ca. su cui sono incastonati frammenti di pietre azzurre e rosse o anelli di ottone.
    Nel Museo dal 1999. Dono della Sig.ra Teresa Colla 


    N° cna0808 - Dinastia Qing 1750-1850
    MISURE H. cm. 55.
  • Campanella Zhong

    Campanella Zhong - Cinque Dinastie - ornata coi simboli taoisti degli otto trigrammi (le possibili combinazione di una linea continua yin e una spezzata yang). Subito sotto, la terza fascia, è decorata con festoni puntiformi e triangoli.
    Nel Museo dal 1902. Provenienza Pechino.


    N° cna0085 - Cinque Dinastie 907-960
    MISURE H. cm. 11.1. ø cm. 5.1.
  • Tsong Khapa

    La statua - Dinastia Qing - rappresenta il sapiente Tsong Khapa (1357-1419) nel tipico atteggiamento del Buddha. Seduto a gambe incrociate; tiene le mani unite per i cerchi che formano tra loro pollice e indice, nella posa cioè dell'insegnamento (dharmacakra mudra). La più eminente personalità del mondo lamaico. 
    Nel Museo dal 1947. Proviene da Pechino.


    N° cna0192 - Dinastia Qing 1736-1795
    MISURE H. cm. 30. W. cm. 26.
  • Pehar, Dio della Guerra

    Pehar (Padmapani), Dio della Guerra - Dinastia Qing. Posa su un piedistallo di forma rettangolare con gli angoli arrotondati ornato con fior di loto, tranne per una porzione sul davanti. Sotto il piedistallo una placca di rame reca inciso il simbolo Ying-Yang circondato da motivi floreali. 
    Nel Museo dal 1947. Proviene da Pechino.


    N° cna0190 - Dinastia Qing 1662-1722
    MISURE H. cm. 19.2. W. cm. 16.
  • Bodhisattva in legno

    Bodhisattva in legno - Dinastia Jin, figura in posizione eretta a piedi nudi, col braccio destro piegato e il palmo della mano rivolto in avanti nella postura della mancanza di paura (Abhaia mudra).
    Bodhisattva (sanscrito): essere risvegliato, che per pura compassione rinuncia al suo stato di illuminazione o di condizione di Buddha per aiutare altri a raggiungere il risveglio 'bodhi'.
    Oggetto donato dal Sig. Natalino Cesini e datazione posta dal prof. Shan Gang, che disse: 'Dolcezza... escludo sia di dinastia Tang, forse sec. XII; arte popolare'.
    Nel Museo dal 1995.


    N° cna0864 - Dinastia Jin 1115-1234
    MISURE H. cm. 94. W. cm. 30.
  • Harihara Lokeśvara (?) Bodhisattva, Avalokiteshvara

    Harihara Lokeśvara (?) Bodhisattva, Avalokiteshvara - Dinastia Qing. Avalokiteshvara è tra le figure più popolari e complesse del mondo della devozione buddista. Apparve per la prima volta nel Buddismo Mahayana indiano, dove ebbe grandissimo seguito come un essere infinitamente compassionevole. Conosciuto anche come 'Lokeshvara', o 'Signore del mondo' o 'Lokanatha' o 'Protettore del mondo'.
    Nel Museo dal 1987


    N° cna0771 - Dinastia Qing 1736-1795
    MISURE H. cm. 34. W. cm. 26.
  • Guan Di

    Guan Di - Dinastia Qing, figura seduta con grande dignità su uno scranno che poggia su un ampio basamento piatto, a gradini speculari.
    Guan Yu, uno dei due generali (l'altro si chiamava Zhang Fei) rimasti fedeli fino alla fine al suo imperatore Liu Bei, a seguito della usurpazione del Regno che questo imperatore subì ad opera di Cao Cao (Ts'ao ts'ao) nel 155-220 d.C. Ricevette in seguito il titolo onorifico di Guan Gong. Questo generale morì nel 219, combattendo valorosamente e fu poi proclamato 'dio della guerra' - col nome di Guan Di - ed incorporato nel pantheon taoista, per il coraggio e la lealtà dimostrati.
    Nel Museo dal 1947.


    N° cna0121 - Dinastia Qing 1700-1795
    MISURE H. cm. 51. W. cm. 38. L. cm. 23. Kg. 28.
  • Monaco Arahat

    Monaco Arahat - Dinastia Tang, statua bronzea su doppio fior di loto.
    Bonzo buddista realizzato nella pura tradizione Tang tutta tesa ad un estremo realismo soprattutto del volto che diventa quasi l'unico protagonista dell'opera.
    Durante la Dinastia Tang, fiorì questa meravigliosa arte del ritratto che sembra gareggiare con la ritrattistica dei busti e delle monete romane. Il viso, spesso sciupato dalle astinenze, gli occhi buoni perduti nella contemplazione, i particolari del manto, delle pieghe, degli ornati, fanno di questi ritratti una delle cose più belle prodotte dall'arte orientale.
    Nel Museo dal 1929. Proviene da Henan.


    N° cna0048 - Dinastia Tang 618-907
    MISURE H. cm. 24.1. L. cm. 9. Kg. 1.5.
  • Giovane Monaco

    Giovane Monaco - Dinastia Sui, statua bronzea su piedistallo.
    L'epoca pre-Tang presenta la novità di un tentativo di ritratto realistico. Nei monasteri buddisti si affaccia l'uso di sostituire le tavolette dei defunti con statuine di terracotta o bronzo, raffiguranti, al vero, bonzi distintisi per santità o dottrina.
    Scrive P. Toscano: 'Il volto riproduce certamente le sue fattezze. Le mani sono nella posa della preghiera quasi voglia, anche dopo morte, essere presente con i compagni alle cerimonie del tempio. Tale è infatti l'intenzione dei fonditori di queste statuette che venivano conservate nel tempio ove i defunti monaci avevano officiato durante le vita'.
    Nel Museo nel 1929. Provenienza Henan.


    N° cna0043 - Dinastia Sui 581-618
    MISURE H. cm. 15.6. L. cm. 4.4.
  • Buddha Mile Fo

    Buddha Mile Fo - Dinastia Ming, la figura è seduta con la gamba destra flessa e l'altra piegata orizzontalmente davanti al corpo. La mano destra poggia sul ginocchio e regge la corona della preghiera. La mano sinistra regge il lembo del sacco dell'abbondanza.
    Nel Museo dal 1947. Proviene da Henan. 


    N° cna0114 - Dinastia Ming 1368-1644
    MISURE H. cm. 19.7. L. cm. 19.8. Kg. 3.
  • Grande Budda

    Grande Budda. Scultura in legno dorato. Dinastia Ming (1368-1644). La posa è quella della meditazione (dhyana mudra).
    Donato per volontà testamentaria dall'antiquario di Venezia Sig. Visentini. Nel Museo dal 1988.


    N° cna0789 - Dinastia Qing 1644-1700
    MISURE H. cm. 110. W. cm. 68. L. cm. 68.
  • Suonatore di flauto su bufalo

    Suonatore di flauto su bufalo, tornando a casa a dorso del Bue - Dinastia Qing. La statuina del fanciullo che suona il flauto sul dorso del bue si riferisce a una ben nota metafora del buddhismo chan (giapponese zen) sull’addestramento della mente finalizzato all’illuminazione. L’insegnamento si articola in dieci tappe che illustrano il progresso del praticante verso il risveglio della propria natura di Buddha e si offrono come temi di meditazione.
    Il cammino è simile a quello di un mandriano che è alla ricerca del bue (la propria mente illuminata) che inizialmente fatica a trovare. Seguendo pazientemente le tracce (percezione della natura illuminata) il giovane trova il bue che, tuttavia, non si lascia domare facilmente.
    Una volta che con la pratica ha addestrato il bue (la mente), il mandriano può fare ritorno a casa a dorso dell’animale. Chi ha compiuto questa ricerca, trovata la propria condizione originaria è in uno stato di quiete e unità e non si preoccupa più del bue.
    Superata la distinzione tra il bue e il mandriano, non resta che lo stato di pace della mente illuminata. Chi sperimenta questa condizione può, allora, rientrare nel mondo per aiutare gli altri.
    Nel Museo nel 1939.


    N° cna0126 - Dinastia Qing 1800-1900
    MISURE H. cm. 8.5. L. cm. 10.
  • Guanyin con il cestino di pesce

    Guanyin con il cestino di pesce Yulan Guanyin - Dinastia Qing. Nella religione popolare cinese è identificata come donatrice di bimbi, e anche con un cesto di pesci che fa riferimento ad una leggenda popolare, per questo è spesso invocata dai pescatori.
    Nel Museo nel 1929. Proviene da Shanxi. 


    N° cna0867 - Dinastia Qing 1850-1900
    MISURE H. cm. 64.8. L. cm. 17.
  • Guanyin in porcellana

    Guanyin in porcellana 'bianco di Cina'. 
    In Giappone (Kannon) e Cina (GuanYin) ha assunto carattere femminile. Le raffigurazioni sono molte e le più frequenti lo rappresentano con il fiore di loto, oppure le mani nella posa della carità, con una ciotola in mano, con una figura di Buddha sul diadema, come discepolo a fianco di Buddha, con undici teste, con molte mani, come protettore e datore di bambini.
    Nel Museo dal 1947. Proviene da Henan.


    N° cna0807 - Periodo Repubblicano 1912-1947
    MISURE H. cm. 61.5. L. cm. 20. Peso Kg. 5.55
  • Bodhisattva, Avalokiteshvara / Guanyin

    Bodhisattva, Avalokiteshvara / Guanyin, statua lignea, di radice scolpita - Dinastia Qing.
    Il nome completo della dea è Guan Shi Yin che significa 'Colui che contempla il suono supplicante del Mondo'. E' uno dei grandi Bodhisattva del Buddhismo e si identifica col Bodhisattva maschile Avalokitesvara. Nella religione popolare cinese è identificata come donatrice di bimbi, e a lei si rivolgono donne senza prole, in quanto è spesso raffigurata con uno o due bambini al fianco, ma che in realtà rappresentano i discepoli preferiti.
    Nel Museo nel 1911. Proviene da Henan.


    N° cna0687 - Dinastia Qing Imp. Qianlong (1736-1795)
    MISURE H. cm. 30. L. cm. 11.
  • Mulinello di preghiera
  • Collana di preghiera - Māloā
  • Campanella Zhong
  • Tsong Khapa
  • Pehar, Dio della Guerra
  • Bodhisattva in legno
  • Harihara Lokeśvara (?) Bodhisattva, Avalokiteshvara
  • Guan Di
  • Monaco Arahat
  • Giovane Monaco
  • Buddha Mile Fo
  • Grande Budda
  • Suonatore di flauto su bufalo
  • Guanyin con il cestino di pesce
  • Guanyin in porcellana
  • Bodhisattva, Avalokiteshvara / Guanyin